0 0

Corsica: un tour nell’isola della Bellezza

Innamorarsi della Corsica, quanto è facile! L’isola incanta i suoi visitatori con la cultura e le bellezze dei suoi territori uniche al mondo. Il clima mediterraneo, sempre piacevole, vi convincerà ancor di più-
L’Isola della Bellezza, come la chiamano, ha così tanto da offrirvi tra cultura, gastronomia, paesaggio e varie attività che non sarete delusi!

La cultura

Il Moro

Il Moro

La lingua è un elemento essenziale nell’identità dei Corsi, ha origini italiane, ma anche francesi. Inoltre, le canzoni tradizionali corse sono l’orgoglio della popolazione. Avrete notato che la Corsica ha la sua bandiera personale: la testa del Moro, l’emblema dell’Isola e della sua cultura, da sempre oggetto di discussione tra gli storici. Tra leggende e storie, anche questo racconto non vi deluderà e i locali saranno felici di raccontarvela. Come non posso, poi, non nominare Napoleone Buonaparte quando parlo della Corsica! E’ nato ad Ajaccio e sebbene l’abbia lasciata all’età di 9 anni, Napoleone per la Corsica è importante quanto il Papa lo è per l’Italia. Le sue tracce sono presenti ovunque e durante il vostro tour, ascolterete spesso storie e aneddoti riguardanti il passato dell’Isola della Bellezza.

Gastronomia

Marché corse, Charcuterie

Bancarelle tipiche in Corsica

Sì, forse siete arrivati in Corsica perchè le acque sono turchesi, le spiagge dorate, le persone, i villaggi sono accattivanti e le montagne sono selvagge, ma sarete anche piacevolmente sorpresi dalle specialità culinarie corse:  gastronomie varie, formaggi, torte, vari tipi di frutta che delizieranno i vostri palati. So che vorreste dirmi: “Ma la carne e i formaggi sono specialità francesi, qual è la differenza qui?” Bene, sono onorato di poter rispondervi. Le salsiccie corse sono generalmente più salate, affumicate e con il pepe. In più, uno dei migliori piatti è a base di fegatelli.

Provare significa adottare. Alcune cose non possono essere spiegate perchè è impossibile descrivere in dettaglio i sapori e profumi delle specialità corse. La miglior cosa da fare, infatti, è recarsi ai mercati locali e lasciarsi trasportare dalle varie proposte.

Il percorso

La capitale Corse

La capitale

Se state viaggiando per una o due settimane, la miglior cosa è recarsi ad Ajaccio, non importa con quale mezzo di transporto, nave, aereo. Ciò che conta è che Ajaccio è la capitale della Corsica e la città non è così grande quindi è facilmente visitabile.

Le sue isolette sono una bellezza da non perdersi. Da Ajaccio, potete affittare una bici e spostarvi verso il sud. Scoprirete cosa vuol dire pedalare sulle strade corse: attenzione a non fermarvi per riposare, nonostante le strade siano in salita, dovrete prepararvi a un po’ di fatica. In ogni caso la vista panoramica vi farà dimenticare dello sforzo.

Prima tappa: Porticcio.

La città è veramente affollata durante l’estate. Potete recarvi presso i ristoranti che sono in riva alle acque turchesi, ma vi suggerisco di non rimanerci a lungo considerando il posto molto turistico. Da qui, potete continuare il vostro tour verso il sud.

Seconda fermata: Coti-Chiavari.

Coucher de soleil sur plage doré

Il tramonto sulla spiaggia dorata

E’ un posto più piccolo e tipico del tour in Corsica. Apprezzerete l’atmosfera, anche le spiagge sono meravigliose. La spiaggia di Cala D’Orzo ad esempio è assolutamente incredibile, quindi fermatevi per pranzo in una delle due capannette, da Francesco o da I Pirati, situati entrambi sulla spiaggia. Poi, durante il vostro tour, passerete davanti al negozio alimentari Acqua Doria: non perdetevi il proprietario, Pierre Perreti, un vero tipo! In più, se siete fan di “everything that rolls” è il luogo giusto per voi. Prendetevi del tempo per uscire in terrazza e prendervi un caffè o un boccale di Pietra, la tipica birra locale, ammirando un meraviglioso panorama che include la costa e le scogliere, la bellezza naturale della Corsica. Nel negozio, poi, troverete tutti i generi di prodotti locali, fatti a mano. Quando tornerete a casa, ricorderete e vedrete che avrete tantissimi ricordi di lì.

 35.4 km – approssimativamente  2h35 trascorse in bici.

 

La fameuse plage

Vista su una spiaggia famosa della Corsica

Volete proseguire? Allora seguitemi!

Direzione Propriano, la prossima tappa.

City cliff

Scogliere con la Cittadella arroccata

La città con la sua eleganza pittoresca vi renderà felici, ma la miglior cosa è farvi un giro per la città e scoprire le varie spiagge accessibili solo a piedi o con la bici. Qui troverete più  privacy  e sarete ammaliati dal mare. Pedalando verso sud, troverete ulteriori bellissime spiagge che sono deserte perchè poco turistiche. E’ il motivo per cui, infatti, molte celebrità e figure politiche come Nicolas Sarkozy si recano qui per stare in pace e riposarsi.

Ultima tappa: Bonifacio.

Dopo un viaggio così lungo, siete arrivati finalmente a Bonifacio, il gioiello dell’estremo sud della Corsica.  Questa parte è bellissima perchè ci sono acque cristalline che circondano la costa, come un gioiello che contiene così tanti tesori.

Protetta dalle sue alte scogliere di calcare, costruita su un promontorio ineguagliabile,  la cittadella domina orgogliosamente il mare e le bocche di Bonifacio che separano la Corsica dalla Sardegna, che può essere avvistata dall’alto della fortezza, tra le acque cristalline. Un panorama incomparabile! Inoltre, non ci si può perdere il complesso pullulante del porto, ricco di storia, ma ancora ancorato nel presente. Lì, avrete la possibilità di portare le bici in barca e tornare ad Ajaccio. Potrete anche prendere una barca da Ajaccio a Bonifacio e noleggiare le bici nella fortezza della città e poi fare un tour di Ajaccio in bici, se si preferisce fare al contrario.

The port of the mythical city of Corsica

Il porto della città

121 km – approssimativamente 9h10 trascorse in bici.

Quando arriverete, il clima sarà perfetto, lo è sempre in tutto l’anno. In ogni caso, le cittadine sembreranno deserte, perchè è fuori stagione. Il miglior periodo è da Maggio ad Ottobre, ma vi suggerisco di andare a giugno o a Settembre, perchè il clima è buono e ci sono molti meno turisti.

Quindi, lasciatevi soprendere dall’Isola della Bellezza, la sua fragranza inebriante e il suo desiderio di condividere ed accogliere calorosamente. Sono frammenti di paradiso raccolti nel bacino del Mediterraneo che vale la pena visitare, vi faranno vivere un’esperienza unica.

“Il viaggiatore è colui che si regala l’opportunità di scambiare ed incontrare nuove culture”

Fréderic Lecloux

 

Author: Etienne Perrin / Translated by Sara Pacioselli

Noleggia una bici in Corsica!

Spread the love
0 0