0 0

San Francisco: come tutto ebbe inizio

Noleggia una bici a San Francisco!

C’era una volta, in una grande città chiamata San Francisco, un uomo e sua moglie che volevano affittare delle biciclette. Hanno guardato online per i punti di locazione, ma non hanno trovato un sito che riassume tutti i affitti disponibili in città. “Com’è possibile?” pensò l’uomo, “devo far in modo che chiunque possa noleggiare una bicicletta ovunque, in qualsiasi momento”. Ed indovina un pò, così nacque BimBimBikes! Ho pensato che questa favola fosse il modo migliore per introdurre il nostro articolo di San Francisco, così come l’inizio della nostra settimana americana! Andiamo subito alla scoperta!

StoriaSan Francisco

Cominciamo esplorando le vicende storiche della città. Venne colonizzata dagli esploratori spagnoli nel 1769 e rimase un territorio spagnolo fino al 1821 quando scoppiò la Guerra d’Indipendenza messicana. Nel 1846 scoppiò una nuova guerra per l’indipendenza, questa volta contro gli Stati Uniti e il Messico. Molti territori allora messicani divennero americani alla fine della guerra nel 1848, tra cui California, Utah, Nevada e molti altri Stati; fondamentalmente la maggior parte della parte sudorientale degli Stati Uniti che conosciamo oggi. Così, anche San Francisco  divenne americana. Negli anni 1850, la Gold Rush di Californian attirò molti visitatori che volevano arricchirsi. Ancora oggi, a dimostrazione di ciò, San Francisco è il principale centro finanziario della costa occidentale americana.

Nel 1906, un terremoto colpì la città, portando alla distruzione della maggior parte di essa. Le tubature del gas, sradicate, infiammarono la città per giorni e, per risolvere il problema, le autorità distrussero intere costruzioni per fermare le fiamme. Dopo ciò, San Francisco dovette essere quasi interamente ricostruita.

Oggi la città è nota per essere un grande centro finanziario, ma anche uno dei luoghi più aperti al mondo, soprattutto per quanto riguarda la comunità LGBT (la “bandiera arcobaleno” è stata popolarizzata come simbolo della comunità gay da Gilbert Baker a San Francisco nel 1978). Inoltre, alcuni cliché dicono che le persone di San Francisco sono tutti hipsters liberali che bevono caffè biologico di alta qualità … immagino che solo i locali possano dirvi se è vero o no! 😉

Quartieri famosi

#1 ChinatownSan Francisco

Sembra che ci sia una Chinatown in ogni città, ma a quanto pare questa è molto speciale. Non solo è la più grande al mondo, ma è anche la più antica del Nord America. L’immigrazione cinese raggiunse il suo picco nella seconda metà del XIX secolo, poichè la maggior parte degli immigrati era alla ricerca di posti di lavoro o modi per arricchirsi. La storia del quartiere è piena di racconti di prostituzione, terremoti e turismo. Una particolare combinazione, vero? La prostituzione era molto attiva nei primi anni, ma divenne sempre meno con il passare del tempo. Il quartiere ha sofferto notevolmente gli incendi che hanno seguito il terremoto del 1906 (menzionato in precedenza) e dovette essere completamente ricostruito. Adesso è una delle principali attrazioni turistiche di San Francisco.

#2 Mission DistrictSan Francisco

Benvenuti nel paradiso degli hipster! Questa zona di San Francisco è conosciuta per essere una delle parti più “alternative” della città. Se siete interessati a negozi di seconda mano, d’epoca o caffè alternativi, questo è il posto giusto per te! Il quartiere ha una forte comunità messicana e latina, quindi dovreste sicuramente optare per quel tipo di cibo. Credetemi, non avrete problemi a trovare buoni ristoranti lì! 😉 Naturalmente, non dovete per forza mangiare cibo messicano, vi sono molte altre opzioni da scegliere. Durante la visita a Mission District, non potete evitare un bel picnic nel Dolores Park. È il luogo ideale per rilassarsi e divertirsi con gli amici, ma anche per stare da soli. Avrai molte occasioni per incontrare nuove persone lì! Ultimo, ma non meno importante, andate a dare un’occhiata al Teatro Roxie, il più antico di San Francisco. Il suo aspetto vi farà tornare indietro nel tempo!

Punto bonus: mentre camminate prestate attenzione agli incredibili murales.

#3 Il CastroSan Francisco

Il quartiere Castro, luogo di nascita del movimento Gay Pride degli anni ’70, rende San Francisco una delle destinazioni più LGBT-friendly del mondo. A causa della sua storia, la maggior parte delle cose che vedrete sarà collegata in un modo o nell’altro alla comunità LGBT. Ovviamente, tutti sono invitati a visitare, rimanere e vivere nel Castro, in quanto è un quartiere dove le persone sono estremamente aperte e accoglienti verso tutte le etnie e le culture. Ora, cosa c’è da visitare lì? Una delle attrazioni principali è il teatro (sì, ancora una volta). Il Castro Theatre è stato costruito nel 1922 ed è tutt’ora funzionante. Questo luogo ospita molti eventi, come i festival cinematografici a tema LGBT o comunque multiculturale. Potete anche andare lì in un pomeriggio di pioggia per guardare un film e godere dei suoi splendidi interni.

Se sei abbastanza fortunato da essere a San Francisco alla fine di giugno, potrai assistere alla famosa Pride Parade che si svolge ogni anno alla fine del mese. È una delle sfilate più famose del mondo e sicuramente vale la pena vederla almeno una volta. L’atmosfera è unica e si  respira felicità e buon umore! Tieni pronta la tua bandiera arcobaleno!

Che altro?San Francisco

Quindi, cos’altro è rimasto da vedere a San Francisco?

Le attività da fare sono molte, ma giusto per menzionarne qualcuna, vi consiglio di andare al Twin Peaks (camminando o in macchina, non giudico tranquilli). Sono due colline da cui potrete ammirare un fantastico panorama di San Francisco. Di giorno o di notte non importa, ma non perdetevelo! Potete anche visitare l’isola di Alcatraz, probabilmente non sarà la cosa più allegra, ma è sicuramente interessante per chi vuole saperne di più sulla storia di una delle prigione più famose al mondo. Prenotate i biglietti in anticipo, poiché è un luogo molto turistico  e rischiate di dover aspettare molto per comprare i biglietti. Ovviamente, non dimenticate di fare il tipico selfie con il Golden Gate Bridge sullo sfondo. Non deve essere necessariamente un selfie, ovvio, potete anche fotografare solo il ponte o semplicemente ammirare la sua bellezza.

In più, potrete trovare molti ristoranti, bar, locali, pasticcerie e molto altro che potrei consigliarvi. Non vi dirò niente però, lascio a voi il compito di organizzare il vostro viaggio della vita!

Se avete intenzione di visitare San Francisco, se ci siete già stati, o se semplicemente vi è piaciuto questo articolo, condividete con noi la vostra esperienza mandando un’email a info@bimbimbikes.com o taggandoci con l’hashtag #bimbimbikesadventures! Saremo più che lieti di ascoltare la vostra storia!

candice

Candice 

è ora ossessionata da San Francisco

Noleggia una bici a San Francisco!

Spread the love
0 0