0 0

Stereotipi sul Belgio? Vi diciamo perché disfarvene

Un cliché molto comune, vuole il Belgio come un paese noioso. Oggi vi diremo perché secondo noi è bene disfarsi degli stereotipi più frequenti su questa vera perla dei “Paesi Bassi”!

Il Belgio ha tre diverse lingue ufficiali per una popolazione non molto numerosa. Questo fatto fa sì che, secondo molti, gli abitanti non vadano molto d’accordo fra loro, perché non si capiscono.

Fiammingo, francese e un po’ di tedesco… Non è questo un buon motivo e una buona scusa per imparare più lingue? Non sono forse i belgi in grado di viaggiare in Olanda, Francia e Germania senza doversi preoccupare di capire la gente del posto? Le persone che possono parlare lingue diverse sono aperte e si adattano meglio. In più, la maggior parte delle persone parla un buon inglese. E gli italiani e i loro dialetti per esempio? O gli accenti quasi incomprensibili fra loro nelle diverse regioni del Regno Unito?

 

Audrey Hepburn

L’attrice belga Audrey Hepburn prestò servizio come volontaria durante la II GM e fu impegnata in beneficienza per tutta la sua vita.

 

Non si tratta in realtà di qualcosa che arricchisce la cultura di un paese e la socialità fra la sua popolazione?

Piccolo non fa rima con noioso.

Dal momento che è un piccolo paese incastrato fra nazioni con molta personalità, questo farebbe del Belgio un posto noioso dove vivere (o viaggiare).

Vantaggi dei paesi piccoli? Le distanze di viaggio sono più corte per esempio! Brussels, Liège, Anversa e Ghent sono bellissime e tutte lontane fra loro non più di un’ora e mezza di treno.  Oltre alle accoglienti e (multi)culturali città, in Belgio puoi anche andare al mare o avventurarti nelle Ardennes. Per non parlare dei molti festival e concerti di tutti i generi in tutte le stagioni… e i belgi sanno come si fanno!

 

Flemish Ardennes

Le Ardennes fiamminghe

 

Pioggia e Eurocrazia?

Brussels viene informalmente chiamata la capitale politica dell’Europa – si dice che “non ti troverai mai a meno di 3 metri da un eurocrate”. Inoltre ha una cattiva reputazione per il suo tempo piovoso; bè piuttosto comune nel Nord Europa, no?

Dunque, Brussels è molto più conveniente di tante altre capitali europee quindi perfetta per un city-break. Perché non andare di persona e sbugiardare il fatto che ci sono solo noiosi uomini in giacca e cravatta!

La scena artistica, infatti è molto importante: in città c’è il numero più elevato di collezionisti per persona! L’arte contemporanea è internazionalizzata grazie alle molte residenze per artisti e ci sono sempre molti eventi in città – i quartieri dove sicuramente troverete mostre e esperienze d’arte contemporanea, sono Ixelles e Dansaert.

Brussels è uno snodo europeo con collegamenti veloci verso Londra e Parigi ed è quindi un passaggio regolare per artisti e collezionisti.

“Mangiano solo patate fritte, waffels e cioccolata!”

Ok, facciamo finta che sia vero, quale sarebbe il problema a riguardo? Insomma le loro patatine fritte, waffels e cioccolata sono davvero rinomati! Chi non ama delle patatine fritte fatte a regola d’arte, accompagndole a un’altra specialità belga, le birre artigianali trappiste e d’abbazia…? Voi comunque sarete in vacanza: la dieta può attendere😛

Inoltre, come di certo saprete già, il Belgio è un paese “abbastanza” multiculturale. Questo fa sì che si possa provare un’ampia varietà di cucine. Giuro che a Brussels ho mangiato la cena marocchina più buona e originale che forse solo in Marocco potrebbe essere all’altezza!

Per i piatti così detti “confortanti”, provate la Carbonnade Flamande; se volete invece mangiare biologico e vegeteriano, andate a Ghent: è considerata la capitale vegetariana belga: ogni giovedì è veggie day.

 

couscous morocco

Couscous / Foto di Louis Hansel

 

“Conosci nessun Belga famoso?”

Non si sa bene come mai, ma anche questo è un bel luogo comune sul Belgio, probabilmente dovuto di nuovo al fatto di trovarsi tra i paesi con più storia e cultura del mondo. Bè, il Belgio ha dato un contributo non da poco alla storia europea. Per citare solo alcuni nomi di personaggi importanti: Pieter Paul Rubens, uno dei più influenti pittori barocchi, nacque ad Anversa; Adolphe Sax, inventò il sassofono e nacque a Dinant; René Magritte, uno fra i pittori surrealisti più iconici; Audrey Hepburn (Colazione da Tiffany, Vacanze Romane...); la stilista Diane von Fürstenberg così come il cantante Stromae sono di Brussels.

 

painting by rubens

Testa di giovane, Rubens / Foto di Fiammetta Pellone

 

Comunque, in conclusione: sappiate che i Belgi sono molto autoironici, amano mangiare bene e sono sempre molto accoglienti con i visitatori.

La prossima volta vi daremo qualche informazione di viaggio sulla rigogliosa regione delle Ardennes! Seguiteci🌲

Noleggia una bici in Belgio!

Scritto in inglese e tradotto in italiano da Fiammetta

Spread the love
0 0